Un fine settimana intenso quello presso la comunità di La Laja, parrocchia vicina al centro della città di Acapulco. Accolti da padre Hugo Hernandez, prete diocesano e parroco della comunità, abbiamo sperimentato la semplicità ed il calore di tante sorelle e fratelli che ci hanno aperto le loro case con una disponibilità che lascia a bocca aperta.

In questi giorni abbiamo partecipato alla catechesi parrocchiale, a degli incontri con i giovani della pastorale giovanile e della pastorale missionaria fino all’incontro di domenica pomeriggio con l’arcivescovo di Acapulco Leopoldo.

Per tutti i dettagli seguite il diario della missione sul sito del PIME GIOVANI.

Ad una settimana dalla nostra partenza, ci sembrava bello farvi sentire le impressioni delle più giovani del gruppo, le nostre AmbraFederica. A loro la parola, per guardare con gli occhi dei giovani a questi giorni in preparazione alla GMG di Panamà.


Siamo solo alla prima settimana ed è già stata densa di esperienze, incontri ed emozioni.

Siamo un gruppo di 30 ragazzi che condividono una fede convinta e mi riempe di gioia vedere come la fede possa creare un gruppo unito e forte. È una sensazione mai provata prima, ma sembra che condividendo un credo si sia già 10 passi avanti perché è la base che accomuna tutti e permette di tenere come centro dell’esperienza un unico punto. Sento come una forza che ci lega tutti, nessuno escluso, e che rende i giorni sempre più densi e pieni di nuovo insegnamenti.

Oltre a visitare città del Messico e a mangiare immancabilmente tutti i giorni cibi messicani, abbiamo visitato la realtà missionaria di Ecatepec. Mi sono stupita dell’accoglienza di queste persone, della loro gioia di accogliere ragazzi sconosciuti senza il minimo problema. Durante questa giornata siamo passati nella baraccopoli chiamata Cartolandia, dove la gente vive arrangiandosi con poco, e la cosa che mi ha colpito più di tutto è che nonostante ciò ci siano bambini e ragazzi che vanno a scuola. Perché non è scontato in una realtà in cui spesso dominano anche giri di droga!

Da due giorni siamo invece arrivati ad Acapulco nella parrocchia de La Laja.

Qua mi hanno lasciato senza parole, ci hanno accolto con un favoloso pranzo, una splendida messa animata dai loro canti e infine una danza tipica e la cena. Mi ha lasciato una grande gioia, pace e voglia di accogliere a mia volta, perché pur avendo poco queste persone sono capaci di dare tutto a noi giovani, e sono ancora più felici e sereni di prima. Ci sono alcune famiglie che ci hanno ospitato e la mia ci sta accogliendo come loro figlie.

Hanno un gran cuore e una fede grande, dovremmo imparare da loro.
Mancora più di una settimana che ha in serbo per noi ancora tante sorprese…

Ambra

Lunedì 14 gennaio sono partita per il Messico insieme a un gruppo di ragazzi con il PIME. I ragazzi li conoscevo poco e avevo il timore di non riuscire a confrontarmi e instaurare un rapporto con loro. Però in questa settimana passata insieme tutti i giorni ho parlato con ciascuno di loro e mi sento completamente me stessa pur conoscendoli da poco tempo.
Abbiamo inoltre conosciuto gente del posto che ci ha accolti nel miglior modo possibile, ci hanno trasmesso la loro cultura e la loro felicità.

Quando siamo andati a Ecatepec nella missione di padre Damiano abbiamo conosciuto persone che vivevano in bruttissime condizioni ma che però avevano sempre il sorriso stampato in faccia e apprezzavano tutto quel poco che hanno. Forse dovremmo essere noi a imparare da loro e non loro da noi! Pur non avendo nulla sono riusciti a farci sentire a casa e ben voluti, ci hanno trattato come fossimo “di famiglia” e questo al giorno d’oggi non è così scontato!

Sono veramente felice di aver conosciuto gente così gentile e disponibile con persone sconosciute e spero di continuare la mia esperienza in questo modo.

Federica